NOVITA'!

CI SIAMO TRASFERITI SU WORDPRESS!

NUOVO BLOG!!!!
<-- CLICCATE PER VENIRCI A TROVARE!!

Translate

sabato 9 febbraio 2013

nel cuore dell'inverno...pratica yoga e medicina cinese a confronto

In inverno tutto rallenta.

Nelle giornate sempre più fredde, con la luce  che finisce  presto,  la natura si riposa  per   immagazzinare energia e prepararsi all'esplosione di vita della primavera.

E' questa  la stagione in cui  secondo la Medicina Tradizionale Cinese  lo  Yin (l'oscurità e la stasi) domina  sullo Yang (luce e movimento),  il momento ideale per l'ascolto di se stessi.
 
Sempre restando nella MTC, la teoria dei 5 elementi   attribuisce  all'inverno l'elemento acqua. Gli organi sono reni e vescica,   sono  presenti emozioni come la paura ma anche la sua controparte, la forza di volontàIl gusto è salato,  la condizione, ovvio,  il  freddo,  come colore  il  nero.
E meno facile  da comprendere a colpo d'occhio, la direzione cardinale del  Nord.

Più in generale le caratteristiche dell'inverno sono  il riposo, il fresco, l'umido, la  lentezza, il genere femminile, la quiete.

Le più antiche conoscenze dell'uomo rivelano sempre un fondamento comune, proviamo allora una pratica yoga  in armonia con gli elementi dell'inverno secondo la MTC.

Per cominciare al meglio  è opportuno liberarsi della paura, o di tutte le emozioni bloccate, con simhasana,  la posizione del leone



Per rinforzare la forza di volontà  i sankalpa, le ripetizioni interiori che piantano i semi delle intenzioni nella mente subconscia.
Scegliere un'affermazione positiva su un argomento che ci sta " a cuore" e poi ripeterla almeno 3 volte  con il mudra di Ganesh (il sigillo del Dio elefante che rimuove gli ostacoli), al centro del petto


Una pratica Yoga calorosa  aiuta la digestione, (intesa come metabolismo cellulare) elimina ama, cioè scarto,  nutre  lo spirito e porta l'attenzione all'interno.
La tecnica  di kapalabhati,  libera le vie respiratorie e soffia sulle braci  del fuoco interno, nell'area governata  da manipura, dove l'anatomia sottile dello yoga colloca il terzo chakra.

Per lo yoga manipura,   per la MTC i reni e le surrenali, sono   il luogo dove l'energia vitale viene prodotta,  conservata e utilizzata per la "manutenzione ordinaria" o durante periodi difficili, come stress, malattia, vecchiaia...
anche la posizione di Ustrasana, il cammello,   attiva l'area dei reni e la sua controparte addominale,  e in più, eseguita dopo le flessioni in avanti,  ne bilancia gli effetti.

I piegamenti in avanti   come pashimottanasana, la pinza,
janu sirsana, la posizione della testa al ginocchio,

sono un altro modo per portare la consapevolezza interna, con l'avvertenza di  flettersi dal bacino in avanti per non incorrere in  fastidiosi stiramenti lombari, più facili in questo periodo dell'anno.
 Un'altra accortezza è quella di mantenere il cuore sollevato    per evitare che la pratica si immelanconisca esacerbando le emozioni negative tipiche dell'inverno come paura e depressione.

Inoltre attraverso l'allungamento della catena muscolare posteriore liberiamo e distendiamo il meridiano della vescica 
 

Le posizioni che prevedono torsioni spinali come ardha matsyendrasana, la torsione del saggio  
Matsyendra

attivano l'area del plesso solare che irradia tutti gli organi addominali con il suo fuoco gastrico e tonifica rene e surrenali con il delicato massaggio dei muscoli lombari.
 
 Concludere la pratica con una decina di minuti di shavasana, la posizione del cadavere


L'alimentazione gioca un ruolo importante:  zuppe di verdure (ovviamente di stagione, come  i diversi  tipi di cavolo) e/o legumi, cereali integrali, noci tostate, radici,   tutto possibilmente biologico e di produzione locale per scaldarci e nutrire lo yin, senza appesantire.
Vi propongo una ricetta colorata e profumata da Yoga journal

ricetta speziata di carote e soia gialla










    lunedì 4 febbraio 2013

    Vimala Thakar, Maestra spirituale, attivista appassionata

      
     
    "In ogni cuore umano esiste una aspirazione alla verità ultima, alla libertà, all'emancipazione,
    all'amore puro, all'innocenza. Questa è la vera spinta verso l'alto.
    L'anelito verso la purezza, la bellezza, l'amore, la pace e la libertà, non si estrae certo dai libri .
    Non vi è la necessità di ricorrere alle letture, poichè con l'aspirazione si nasce,
    e questa ci spinge verso i più alti livelli di coscienza".

    Vimala

    domenica 3 febbraio 2013

    L' affascinante storia del numero 7

    Steve  Mc Curry Photografer

    Sette paia di scarpe ho consumate
    Di tutto ferro per te ritrovare:
    Sette verghe di ferro ho logorate
    Per appoggiarmi nel fatale andare:

    Sette fiasche di lacrime ho colmate,
    Sette lunghi anni, di lacrime amare:
    Tu dormi a le mie grida disperate,
    E il gallo canta, e non ti vuoi svegliare...


    Giosue Carducci - Davanti San Guido
     


    sabato 26 gennaio 2013

    MINDFULNESS, la consapevolezza che aiuta a vivere meglio


     Incontro esperienziale di Mindfulness di tre ore,  condotto dalla Dott.ssa Maria Civita De Marco presso lo spazio Essere-bene-essere.
    “E’ stupefacente quanto sia liberatorio l’essere capaci di vedere che i tuoi pensieri sono solo pensieri e che non sono te stesso o la realtà...il semplice atto di riconoscere i tuoi pensieri come pensieri, può renderti libero dalla realtà distorta che essi spesso creano e genera un maggior senso di chiarezza e di padronanza sulla tua vita” (Jon Kabat-Zinn)

    Mindfulness, che significa “attenzione consapevole” o “attenzione nuda”, indica uno stato mentale che ha a che fare con particolari qualità dell’attenzione e della consapevolezza e ci permette di essere meno reattivi automaticamente e più consapevoli di ciò che accade nel momento presente, favorendo accettazione e adattamento alla reale situazione di vita,  riducendo il livello di sofferenza psico-fisica e migliorando la qualità di vita.

    Molta sofferenza nella nostra esistenza è dovuta al tenersi aggrappati all’idea di come crediamo le cose siano, di come avrebbero potuto, di come avrebbero dovuto o di come dovrebbero essere, in quanto diviene inevitabile la delusione che la realtà sia spesso diversa dalle aspettative. Cosa accade quando la vita, come nel caso di una malattia o di uno stato depressivo, non trova conferma nella realtà di cui noi siamo assolutamente “certi”?






    Maria Civita De Marco è Psichiatra psicoterapeuta, dirigente I livello DSM ASLVT, docente a contratto della Sapienza Università di Roma, II Facoltà di Medicina e Chirurgia.
    A Roma  conduce gruppi clinici di Mindfulness.

      


     Per informazioni: Ornella 393 6898717

    lunedì 21 gennaio 2013

    CAPPUCCETTO ROSSO!


    Il Bosco è pieno di insidie ma va attraversato fino in fondo.
    S Cappuccetto Rosso di fronte al lupo fosse tornata a casa spaventata e non ne fosse più uscita,  che storia sarebbe?
    Possiamo realizzare  i nostri sogni
    dopo esser passati attraverso pericoli mortali  e averne tratto importanti insegnamenti 

    venerdì 18 gennaio 2013

    mercoledì 16 gennaio 2013

    GIOIA LUSSANA SUL LIBRO DI ERIC BARET: "L'UNICO DESIDERIO"





     In modo molto diretto e usando un linguaggio originale, ma poetico e accessibile alla mentalità e alla cultura occidentale, Baret ci fa comprendere il messaggio del tantrismo dell’India tradizionale:
    tutto è già perfetto, non c’è niente da dover raggiungere o modificare, tutto va solo scoperto aprendo la sensibilità, facendo spazio alla disponibilità. La via maestra è il sentire, ciò che è incomprensibile per il pensiero o inesprimibile per la parola, lo si può sentire. 


    Dapprima si sente ciò che è denso, contratto, dolente. Si segue attraverso l’approccio sensoriale il movimento della vita fino a toccare la base quieta, lo sfondo dell’esistenza che è precluso ad una mente acquisitiva. Questo dare spazio al sentire seguendone senza preclusioni l’evoluzione è la via dello yoga, l’arte dello yoga e se diventiamo puro ascolto le sensazioni si rivelano per quello che sono: un mondo complesso, variegato e sconosciuto. Niente è più noioso o scontato. Tutto è sempre nuovo e materiale di indagine. Un’intera vita è solo l’inizio di questa ricerca senza movente, senza intenzione, che non vuole arrivare da nessuna parte. 

    Spesso l’approccio a vedana, la sensazione, viene imbrigliato, ad esempio nell’indagine buddhista, nelle tre categorie di piacevole, spiacevole o neutro, precludendo al ricercatore di conoscere la ricchezza immensa, la vita della sensazione non imbrigliata in categorie di piacere/dispiacere. Baret privilegia senz’altro l’indagine libera e mi fa venire in mente quando lessi tanti anni fa nel Divano occidentale-orientale una frase di Goethe che mi affascinò per anni e tutt’ora è per me un riferimento. Scrivendo della Natura Goethe afferma: “ Ella è la stessa frivolezza, ma non per noi che la consideriamo qualcosa di troppo importante…” La natura è frivola perché non è unidirezionale o mono-progettuale come il nostro ego. E’ libera e la sensazione è anch’essa fondamentalmente libera. Perciò possiamo imparare molte cose seguendo il suo dispiegarsi all’interno del corpo senza volerla definire, possedere o modificare.
    Altro punto: Baret parla di approccio funzionale alla vita: far fronte alla realtà che una situazione ci chiede in modo istantaneo e diretto, senza frapporre in mezzo il tempo della psicologia o della filosofia. Se non frapponiamo l’interpretazione o il commento psicologico, ogni esperienza è un’indagine libera nel sentito: siamo chiamati dall’esperienza e immediatamente instauriamo con essa un rapporto funzionale. 

     
    L’arte della tradizione tantrica kashmira è far fronte a quello che si presenta, comunque esso sia, senza chiedersi perché, interessati, appassionati solo a questa relazione. La concretezza di questo ‘legame con le cose’ ci porta alla scoperta della gioia vera.
    Nell’approccio funzionale non c’è posto per l’ affettività colorata psicologicamente o per il romanticismo, ma c’è la possibilità di scoprire davvero che cos’è l’amore.

     L’amore non ha niente a che vedere con il bisogno di amare e di essere amati che impronta ordinariamente tutta la nostra vita affettiva; fondamentalmente non è un bisogno. E’ la disponibilità che fa nascere l’amore, è la gioia di sentirci connessi con qualcuno o qualche cosa. E’ un moto spontaneo e gratuito del cuore, non vuole nulla, non ha un progetto. L’amore è una forma di autonomia: non domandare più niente per sé, ma dare, amare, comprendere. Questa è la bellezza dell’amore e l’essenza della gioia. Potremmo affermare con Baret che in questa disponibilità ad accogliere il mondo è il significato più profondo del tantra.
    La vera felicità non dipende quindi dalle cose, ma dal rapporto che instauro con le cose istantaneamente, senza residui affettivi, prima che si instauri una dinamica psicologica con esse. In questa relazione con le cose scopriamo che tutto è gioia, che la gioia vera non ha causa ma è la vita stessa, è sentirci connessi alla vita, qualsiasi cosa la vita ci presenti. Scoprendo questa connessione scopriamo che la gioia è la natura dell’esistenza, il suo manifestarsi liberamente e noi possiamo immergerci in questa gioia nell’indagine sensoriale libera, dove niente è nuovo, ma tutto può essere fresco e fonte di meraviglia. Profondamente, tutto si fa solo per la gioia di farlo.


    Il desiderio in questo contesto acquista un significato molto interessante: niente possiamo decidere, tutto accade, come la primavera, come il carattere di mia moglie e allora non c’è più desiderio e soddisfazione del desiderio, c’è azione nel far fronte a ciò che si presenta senza scelta e a poco a poco, à un moment donné, scopriamo di desiderare esattamente quello che c’è


    Il nostro tentativo di ottenere questo o quello non è che nostalgia del silenzio, dell’assenza di desiderio. Questo silenzio non è qualcosa che può essere ricercato, è qualcosa che si rivela da se stesso al momento opportuno. 

    In questo contesto cambia l’essenza stessa del desiderio: desiderio è ciò che c’è, sono le cose che chiamano noi non più noi che desideriamo le cose. Faccio fronte e amo ciò che la vita mi presenta. Tutto il resto è immaginazione e mi interessa sempre meno. In questa chiave il desiderio diventa rasa, il gusto di celebrare l’esistenza, un’innamoramento senza oggetto


    Nella tradizione dello shivaismo del Kashmir è spanda, il movimento stesso della vita, un’emozione non affettiva, psicologicamente neutra e tattilmente infinita, proprio perché libera dal dovere possedere o essere soddisfatta da alcunché.
    Lo Yoga, come l’esperienza della meditazione, è dunque per Baret essenzialmente un’arte, come lo sono la musica, la danza, la poesia e come tutte le arti richiede una dedizione assoluta, una passione un’intensità assoluta. Come per tutte le arti è già potenzialmente presente in noi prima di esprimersi in un’attività specifica. E’ l’esplorazione libera del corpo e della mente che si presenta naturalmente nei momenti di tranquillità. Ma non vuole acquisire o accumulare qualcosa, è piuttosto uno stato di ammirazione, meraviglia, di gioia.
    Questa ammirazione della sensibilità e delle impensabili possibilità sensoriali a poco a poco lascia il posto ad una ammirazione senza oggetto. Voi dimenticate ciò che ammirate. Non c’è più posto che colui che ammira. La luce dell’ammirazione brucia tutte le forme. Noi non siamo che questo.
    In questo senso lo Yoga è un rito: usa l’approccio sensoriale alla vita, ma non è un fatto fisico. E’ l’arte sottile dell’ascolto aprendosi all’accoglienza di ciò che si presenta a questo ascolto, e se ascoltiamo davvero, tutto è interessante e niente è estraneo. La bellezza può essere scoperta in ogni situazione, per la semplice gioia di ascoltare.
    Non è il mondo che deve ascoltarmi, sta a me ascoltare il mondo. Quando ascolto il mondo, c’è una risonanza.
    La vita è yoga. Vostra moglie, marito, figli, fratelli, il vostro lavoro, il vostro corpo: ecco lo yoga….. Praticare yoga vuol dire essere gioiosi…
    una gioia che non viene dalle circostanze, ma dalla disponibilità ad accoglierle.



    Ecco perché è benefico essere attratti dallo yoga. E’ una grazia. Vi piove addosso. Non avete in questo alcun ruolo.
    Interessante, nel contesto della tradizione kashmira, che cosa Baret intende per tranquillità o silenzio.

     Shanta è la base, l’origine di tutte le emozioni, lo sfondo tranquillo dell’esistenza, di tutto ciò che vive. Il riposo è la natura ultima di ogni cosa: questo è facilmente esperibile nell’esplorazione della sensibilità corporea ad opera dello yoga. Il corpo viene sperimentato come densità, contrazione, nodo, dolore. Ma se si segue con attenzione non interferente il naturale evolversi di una sensazione siffatta, essa naturalmente si scioglie in spazio, silenzio. Questo processo nello shivaismo kashmiro viene denominato tecnicamente samhriti o samhara, riassorbimento. Non richiede uno sforzo il raggiungimento della pace, è il naturale evolversi dello sforzo. E l’ultima porta prima del silenzio è il respiro. In particolare le due pause respiratorie, dopo l’inspirazione e dopo l’espirazione acquisteranno via via maggiore pregnanza. E soprattutto kumbhaka a polmoni vuoti si andrà delineando come lo sfondo di silenzio che invera le altre tre fasi respiratorie: esse affondano le loro radici in questo sfondo. Nell’arte regale del pranayama il respiro scompare, rimane un sentire, non più il nostro respiro personale, ma il respiro cosmico, la vita stessa. Imparando a prendere dimora in questo sfondo silenzioso, impariamo a respirare la vita, a sentirla profondamente attraverso le sue varie manifestazioni.

    L'AUTRICE DELLA RECENSIONE, GIOIA LUSSANA


     Eric Baret condurrà un seminario yoga a Roma il 23 e 24 marzo 2013.
    Il seminario è promosso dalla Scuola Formazione Yoga Uptersport,  per info e iscrizioni: Stefania Pizzonia, tel 338 65 55 544, mail s.pizzonia58@gmail.com

    lunedì 14 gennaio 2013

    UNA BEVANDA NATURALE PER ALLEVIARE I SINTOMI DELL'INFLUENZA


    SUCCO DI 6 LIMONI FRESCHI
    2 CUCCHIAI DI ZENZERO GRATTUGGIATO
    3 TAZZE DI SUCCO D'ANANAS
    UN PIZZICO DI PEPERONCINO



    MESCOLATE TUTTI GLI INGREDIENTI E TENETELI IN FRIGO IN UNA BOTTIGLIA SCURA SIGILLATA.
    BEVETE ALMENO 4 PICCOLI BICCHIERI A GIORNO FINO ALLA SCOMPARSA DEI  SINTOMI

    yoga "trasversale", i favolosi Kolberg!


     LO YOGA NON SI LASCIA INGABBIARE DA MODE,  STILI O CONFINI GEOGRAFICI, YOGA E' RICONOSCERSI PER CIO' CHE SI E'!!!